La Potenza Nel Ciclismo

La potenza è la capacità di produrre la maggior quantità di forza nel minor tempo possibile.

Alcuni esempi di sport di potenza:

  • il sollevamento pesi;
  • nell’atletica leggera: i lanci, primo fra tutti il getto del peso; la disciplina dei 100 metri piani per quanto riguarda la corsa; i salti perché quando l’atleta stacca il piede dell’atleta da terra, viene erogata moltissima forza.

Nel ciclismo, espressione della potenza sono le volate. I ciclisti specialisti delle volate, i cosiddetti “velocisti” sono in grado di scaricare sui pedali una grande quantità di forza necessaria per spingere lunghi e pesanti rapporti per far loro acquisire velocità impressionanti.

Velocisti in volata La Potenza Nel CiclismoAllenare la potenza

Allenare la capacità di forza solamente con i sovraccarichi (pesi) non è sufficiente. Si, perché anche se si aumenta il grado di forza assoluta e di forza relativa (la forza muscolare messa in relazione con il peso corporeo dell’atleta), è sempre necessario essere in grado di applicare la forza muscolare al gesto tecnico dello sport praticato, quindi nel caso del ciclismo, la pedalata.

Come applicare la forza muscolare alla pedalata

Quindi, dopo i periodi di allenamento (macrocicli/mesocicli) dove la forza muscolare verrà prevalentemente allenata in palestra, quali metodologie di allenamento possiamo utilizzare per fare in modo che tutto l’incremento di forza muscolare ottenuto con l’allenamento in palestra, sia efficacemente applicato nell’azione della pedalata?

Uno di questi è, senza dubbio:

  • eseguire degli scatti. Scatti della durata minima di 15/20 secondi. Via via la loro durata può essere aumentata fino a portarla ad un massimo di 3 minuti. Tra gli scatti si deve osservare una pausa di recupero variabile e direttamente proporzionale a seconda della durata dello scatto.

L’allenamento della potenza non è utile solo ai velocisti per le volate. E anche utile a superare in modo molto disinvolto i cosiddetti “starppetti” (frequenti cambi di pendenza, più o meno ripidi) che possono presentarsi lungo il percorso.

Questo tipo di allenamento è parecchio impegnativo, ed in genere è richiesto un periodo di recupero di almeno tre giorni tra un allenamento che prevede delle ripetute e un altro. E’ comunque possibile, tra i due allenamenti, inserire un allenamento di recupero attivo, o un allenamento che abbia come obiettivi l’agilità o il fondo (capacità aerobica).

Lorenza Scoma
Informazioni su Lorenza Scoma 129 Articoli
Si può dire molto di Lorenza Scoma, ma per lo meno è persuasiva e disinteressata, naturalmente è anche protettiva, allegra e leader, ma sono contaminati e mescolati con le abitudini di essere privi di tatto. la sua natura persuasiva, però, è ciò per cui è spesso ammirata. Spesso le persone contano su di loro e sul suo atletismo ogni volta che hanno bisogno di tirarsi su. Nessuno è perfetto naturalmente e Lorenza ha anche degli stati d'animo e dei giorni marci. la sua natura sconcertante e la sua natura pomposa causano molte lamentele, sia personalmente che per gli altri. Fortunatamente il suo altruismo assicura che non è il caso molto spesso.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*