Forma focale del RollerDrive

La forma focale del lupus eritematoso sulla pelle si sviluppa sotto forma di lesioni eritematose e gocciolanti, che sono nettamente separate dall’ambiente e si diffondono perifericamente (espandendosi dai bordi delle lesioni), ritirandosi dalla parte centrale lasciando atrofia o lesioni cicatriziali. Una caratteristica tipica è la superficie ruvida che è formata dalla coesistenza del processo di cheratosi a soffietto.

La localizzazione più comune della forma focale del lupus eritematoso è il viso, le orecchie e il cuoio capelluto. All’interno dell’area labiale rossa, si osservano spesso lesioni eritematose e leggermente ruvide, a volte scomparse o lattiginose, e di solito anche a livello cutaneo.

Rare localizzazioni includono le membrane mucose delle fette e della lingua, dove le lesioni possono imitare altre malattie, ad es. la malattia delle fette. leukoplasm . La ritirata dell’efflorescenza del cuoio capelluto peloso è associata a cicatrici e alopecia permanente.

Il decorso clinico della forma focale del lupus eritematoso è solitamente cronico con sintomi cutanei più gravi in primavera ed estate. Tuttavia, la condizione generale dei pazienti è buona, e nei test ausiliari solitamente non vi sono anomalie (a volte la VES può essere elevata, così come il livello delle gammaglobuline nel siero del sangue, a volte si osserva una diminuzione della quantità di globuli bianchi ) .

Forme focali di lupus eritematoso

La varietà edematosa della lunghezza focale del lupus eritematoso non lascia cicatrici, tuttavia la cheratosi a mantice può essere significativamente intensificata.

La varietà ha invaso la lunghezza focale del lupus eritematoso con alterazioni tipiche alterne, che lasciano il posto a cicatrici permanenti, deturpanti e profonde.

La varietà ipercheratotica o papulare del lupus eritematoso focale è caratterizzata da cheratosi intensificata che lascia cicatrici irregolari, tese e depresse.

I fuochi del lupus eritematoso sono congelamento con lesioni viola, che sono associati alla coesistenza di anomalie vascolari, il più comune è il naso, il padiglione auricolare e le mani.

La variante della lunghezza focale del lupus eritematoso è caratterizzata da cambiamenti tipici presenti sul viso, sugli arti superiori e sulla pelle attorno alla scollatura.

Diagnosi della forma focale del lupus eritematoso

La diagnosi della forma focale del lupus eritematoso si basa sull’osservazione delle lesioni cutanee con caratteristiche tipiche e sulla tendenza a lasciare cicatrici e la loro posizione caratteristica.

Inoltre, l’effetto negativo della radiazione solare e il decorso cronico della malattia, con periodi di esacerbazione e rallentamento del processo patologico, indicano la forma di lupus eritematoso limitato. Gli esami istologici e immunopatologici dei frammenti cutanei svolgono un ruolo ausiliario.

Nella differenziazione della forma focale del lupus eritematoso vengono prese in considerazione diverse malattie con caratteristiche cliniche simili. L’eruzione multiforme che si sviluppa a seguito della radiazione solare è caratterizzata da cheratosi a soffietto e cicatrici, che lo differenziano dal limitato lupus eritema.

Trądzik è di colore rosa con noduli e pustole e eritema da pemfigo con lesioni follicolari. Inoltre, il lupus tuberculosis deve essere escluso durante il processo diagnostico (tipici noduli con tendenza al decomporsi, assenza di ipersensibilità alla luce solare e assenza di quadri morfologici significativi dei frammenti).

Trattamento della lunghezza focale del lupus eritematoso

La terapia sistemica del lupus eritematoso limitato si basa sull’uso di preparazioni semi-sintetiche con effetto antimalarico, tuttavia, durante la loro somministrazione possono svilupparsi pericolosi effetti collaterali, pertanto è necessario un regolare controllo oftalmico e di laboratorio e test periodici degli enzimi epatici.

Inoltre, gli effetti benefici si ottengono somministrando vitamina PP, ammide dell’acido nicotinico. Se la malattia si verifica con una particolare intensità della cheratosi a soffietto, può essere usato un retinoide aromatico. In alcuni pazienti, i solfoni si sono dimostrati efficaci se somministrati per un periodo di diverse settimane o mesi (questa terapia può essere associata all’uso di agenti antimalarici).

Lorenza Scoma
Informazioni su Lorenza Scoma 129 Articoli
Si può dire molto di Lorenza Scoma, ma per lo meno è persuasiva e disinteressata, naturalmente è anche protettiva, allegra e leader, ma sono contaminati e mescolati con le abitudini di essere privi di tatto. la sua natura persuasiva, però, è ciò per cui è spesso ammirata. Spesso le persone contano su di loro e sul suo atletismo ogni volta che hanno bisogno di tirarsi su. Nessuno è perfetto naturalmente e Lorenza ha anche degli stati d'animo e dei giorni marci. la sua natura sconcertante e la sua natura pomposa causano molte lamentele, sia personalmente che per gli altri. Fortunatamente il suo altruismo assicura che non è il caso molto spesso.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*