Dolore specialmente dopo la notte e la sera

L’eritema tumorale è una malattia del tessuto connettivo ed è caratterizzato dalla presenza di lesioni tumorali infiammatorie nel tessuto sottocutaneo, che di solito si osservano sulla superficie anteriore del gambo. Il rum si presenta molto più spesso nelle donne, specialmente negli uomini (solo circa il 10%). In alcuni casi, è per il sesso maschile).

I sintomi di eritema tumorale compaiono più spesso tra i 30 ei 30 anni. A 40 anni di età, soprattutto in inverno o in primavera. Va notato che l’eritema tumorale può essere un sintomo di molte altre malattie, il che rende difficile stimarne la prevalenza nella popolazione generale.

Cause di eritema tumorale

Le cause dell’eritema del tumore non sono state spiegate. Si ritiene che le risposte immunitarie anormali, che portano alla formazione di complessi immuni responsabili della reazione infiammatoria, possano contribuire allo sviluppo di cambiamenti.

I fattori sospettati di partecipare all’eritema dell’eritema del tumore sono: infezioni (streptococco, tubercolosi, lebbra, salmonellosi, jersiniosi, infezioni virali, ad esempio la malattia del tumore); infezione del tumore con la malattia; infezione del tumore con la malattia con la malattia. Cytomegalovirus, epatite B o C, HIV), farmaci (ad es. Farmaci, ecc.). antibiotici, in particolare penicilline e sulfonamidi), altre malattie (sarcoidosi, enterite cronica, malattie sistemiche del tessuto connettivo, sindrome di Sweet).

La gravidanza e i contraccettivi orali possono anche contribuire alle tipiche lesioni tumorali.

Sintomi di eritema tumorale

L’eritema tumorale si manifesta con noduli caratteristici, la cui comparsa è preceduta da concomitante o cattivo umore, stati subfebrilici, debolezza generale del corpo, dolore o infiammazione che si sviluppa all’interno delle articolazioni. Inoltre, coesistono disordini respiratori (tosse, faringite, raucedine) e gastrointestinale (dolori addominali, diarrea, nausea, vomito).

I noduli si trovano solitamente nella parte anteriore e raramente nella parte posteriore dello stinco. A volte la posizione delle lesioni è correlata al tessuto sottocutaneo di cosce, glutei, spalle, testa o tronco. Di solito hanno un diametro di circa 10-15 mm, ma possono fondersi per formare un quadro di epidemie più estese.

La pelle sopra i noduli è rossa, riscaldata eccessivamente e non sviluppa mai un processo necrotico al suo interno. I noduli sono dolorosi e durano per diverse settimane. Il processo di guarigione avviene senza lasciare cicatrici, ma a volte dopo che si sono placate, nei luoghi in cui erano precedentemente presenti, si osserva una colorazione marrone, che dura per diverse settimane.

La sindrome di Löfgren (sarcoidosi) è una coesistenza di eritema tumorale con una sindrome dei sintomi: artrite (solitamente infiammazione della caviglia o del ginocchio) e linfoadenopatia di entrambi i linfonodi.

Diagnosi di eritema tumorale

La diagnosi di eritema tumorale è possibile dopo che i sintomi clinici sono stati confermati e sulla base dell’esame istologico del tessuto interessato. La differenziazione deve tenere conto dell’infiammazione del tessuto adiposo, delle anomalie che si sviluppano nel tessuto sottocutaneo come risultato diretto dell’infezione, dell’infiammazione trombotica delle vene superficiali degli arti inferiori.

Per esempio, nel corso della dermatite possono manifestarsi segni clinici simili. orticaria vasculite. Inoltre, il processo di differenziazione della malattia dovrebbe tener conto di altre condizioni cliniche, nel corso del quale si può sviluppare un eritema tumorale.

I risultati di test aggiuntivi possono essere utili nel processo diagnostico. I cambiamenti di laboratorio suggeriscono un processo infiammatorio, che si manifesta con una reazione accelerata della goccia dei globuli rossi (aumento della VES) e una maggiore quantità di globuli bianchi (prevalentemente neutrofili) nel siero.

Inoltre, si osservano spesso aumentati livelli di immunoglobuline e aumentata attività sierica degli enzimi epatici. Inoltre, è possibile eseguire una radiografia del torace, che è importante soprattutto per distinguere tra lesioni della malattia e altre condizioni (ad es. Anormalità, anormalità, ecc.). tubercolosi, sarcoidosi).

Trattamento e prognosi dell’eritema tumorale

Nel caso di coesistenza di eritema tumorale, l’elemento più importante della terapia è il suo trattamento. Se non è possibile rilevarlo, i preparati del gruppo di farmaci antinfiammatori non steroidei possono essere somministrati sintomaticamente (se non ci sono controindicazioni al loro uso), e in caso di nessun miglioramento e in caso di cambiamenti più avanzati, i glucocorticosteroidi possono essere somministrati.

Va ricordato che l’uso di questi agenti farmacologici può esacerbare i sintomi di altre malattie, ad es. Malattia, ecc. Tubercolosi o linfoma, che possono coesistere con eritema tumorale.

La prognosi dell’eritema tumorale dipende principalmente dalla presenza della malattia di base (più comunemente, sarcoidosi o malattia infiammatoria intestinale – Leśniowski e malattia di Crohn o colite ulcerosa). L’eritema tumorale di solito scompare dopo 2-8 settimane. In alcuni pazienti le recidive della malattia si verificano in futuro, più spesso in inverno e in primavera, il che peggiora leggermente la prognosi.
Mariusz Kłos

Commenti Tumore eritema

Basia | 2012-12-27 13:46

Mia figlia di 3 anni ha avuto un eritema da tumore. È passato un anno e ora ha la pelle secca sulle mani e sui piedi. Ha paura che tornerà di nuovo. Ci sono frequenti recidive?

Megi | 2014-12-30 13:15

Benvenuto Basia

Sfortunatamente, nel mio caso l’eritema è nato solo 3 settimane dopo che la guarigione è stata completata, questa volta è più debole di prima.
I medici mi stanno investigando e non sanno cosa fare perché, fermando le medicine steroidei che avevo dopo pochi giorni, ho avuto un’infiammazione ai reni a tal punto che avevo sangue espressivo nelle mie urine e dopo alcuni giorni ho avuto l’infiammazione alla gola. Ora sta riprendendo gli antibiotici e vedremo cosa succederà. Le mie mani ei medici stanno cadendo perché così, nonostante il 21 ° secolo, la riparazione e il trattamento medico dell’eritema è come la lotta contro i mulini a vento.

Magda | 2015-05-02 09:45

Sono nella mia tredicesima settimana di gravidanza (giro di ı e II trimestre) e l’eritema è iniziato con dolori articolari (ginocchia, San Pietroburgo). Il primo era un salto, fianchi, gomiti, polsi) 3 settimane fa. Un dolore da incubo che ti esclude dal normale funzionamento. Dopo alcuni giorni, appare un nodulo sul sapone e nient’altro. Dopo la prossima rasatura, tutta la rasatura anteriore è ricoperta di noduli. Intorno alle caviglie gonfiore – probabilmente alcuni tumori messi insieme in uno. Dolore soprattutto dopo la notte e la sera. In serata, infiammazione, gambe calde e stato sub-febbrile.
Trattamento – paracetamolo analgesicamente, pyralgine per niente e unguento di ittiolo localmente.
L’incubo non è una malattia!

Rodio | 31-07-2013 21:32

Io, con l’eritema tumorale, sono già stanco di 4 mesi. Cominciò con un terribile dolore alle articolazioni, poi apparvero i tumori. Sono andato all’ospedale per un mese, dove ho preso tonnellate di farmaci. Ho fatto molte ricerche e non so di cosa sia questa cattiveria. Dopo aver lasciato l’ospedale è stato un po ‘meglio, ma dopo un po’ il problema è tornato. Nuovi tumori appaiono costantemente e si ripresentano in dolori articolari, ho già finito non so cosa fare dopo?

Lorenza Scoma
Informazioni su Lorenza Scoma 129 Articoli
Si può dire molto di Lorenza Scoma, ma per lo meno è persuasiva e disinteressata, naturalmente è anche protettiva, allegra e leader, ma sono contaminati e mescolati con le abitudini di essere privi di tatto. la sua natura persuasiva, però, è ciò per cui è spesso ammirata. Spesso le persone contano su di loro e sul suo atletismo ogni volta che hanno bisogno di tirarsi su. Nessuno è perfetto naturalmente e Lorenza ha anche degli stati d'animo e dei giorni marci. la sua natura sconcertante e la sua natura pomposa causano molte lamentele, sia personalmente che per gli altri. Fortunatamente il suo altruismo assicura che non è il caso molto spesso.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*